Donne di Liberazione, protagoniste di un cambiamento possibile!

25 aprile, Festa della Liberazione. Certamente un anniversario e un appuntamento che rievocano unità, solidarietà, appartenenza. Come non pensare al protagonismo di tante donne di quegli anni di guerra, in prima fila contro la dittatura o accanto a uomini di altrettanto valore.

Tuttavia non è di loro che intendo parlare o su una figura in particolare.

donne liberazione 25 aprileLa domanda e la riflessione si riferisce alle donne di oggi: sono donne di liberazione? Sono ancora protagoniste di un cambiamento possibile in questo tempo di crisi, valoriale prima ancora che politico e finanziario?

Penso proprio di sì. E, anche in questo caso, per non far torto a nessuna tra loro, evito di richiamare una qualsiasi figura.

Il pensiero però corre a diverse donne e, in particolare, a donne investite in mansioni chiave per un cambiamento possibile.

La donna madre: mai come oggi l’essere mamma ha assunto un ruolo fondamentale nell’educazione delle generazioni future, nel fare famiglia, nel porre le basi per la costruzione di una società e di un con-vivere più solidale, ponendo al centro la persona quale artefice della propria storia e del proprio divenire.

La donna coraggio, capace di ribellarsi e sovvertire la dominanza maschile mafiosa, ‘ndranghetista, fatta di prevaricazione e violenza.

La donna politica, desiderosa di costruire una Città più a misura della persona, anche in questo caso, capace di ribellarsi a un potere prevalentemente in mano all’uomo.

La donna manager, più attenta alle dinamiche relazionali, consapevole che un buon clima organizzativo favorisce migliore produttività e benessere aziendale.

Tutto il resto è poca cosa, di poco spessore, tendente piuttosto a proporre un modello privo di significati autentici, decisamente contrari alle innumerevoli qualità dell’“altra parte del cielo”!

Mi auguro che questo anniversario, oltre ai suoi contenuti storici, politici, forte della testimonianza delle donne di allora, sia anche di riscatto delle donne di oggi per un cambiamento che non può attendere ancora.

perces

 

Rispondi