Combattere la crisi? Oggi si può con i negozi 2.0!

Di sicuro sarete a conoscenza della piattaforma eBay come la più cliccata per chi vuol vendere e comprare oggetti di tutti i tipi. Ebbene, molti ragazzi han pensato di sollevare l’attività di famiglia, appesantita dalla crisi, utilizzando la vendita 2.0. In particolare hanno fatto in modo di crearsi un profilo con soli feedback positivi in modo che sempre più gente potesse acquistare da loro.

ebay vendere onlineUtilizzare eBay non è semplicissimo se non lo si fa quotidianamente, ma pian piano diventa intuitivo grazie alla ricerca nominale dei prodotti. Da qui parte la cosiddetta caccia al tesoro…una lunga navigazione per l’oggetto dei nostri desideri o ancor meglio per poter vendere un prodotto, andando a scovare i migliori offerenti grazie alle aste on-line.

E’ il caso di Lucia Gaudioso che vende le pipe e i rasoi del negozio di suo padre, su internet. Perchè? Il negozio stava per chiudere e, Lucia ha pensato bene di salvarlo grazie al 2.0! Inizialmente ha messo i suoi oggetti all’asta per farsi conoscere, da li sono seguiti moltissimi feedback positivi e Lucia con il suo papà è ora famosa anche in America. Per non parlare del Gruppo tessile San Marco della provincia di Lecce che fattura oltre un milione di euro l’anno di vendita on-line.

Questi sono solo alcuni degli esempi di gente comune che con pazienza dal 2005 ad oggi è riuscita a crearsi un numero di contatti così alto in modo da guadagnarsi da vivere. Il lavoro non è poi neanche così pesante, solo dieci minuti al giorno per mettere on-line la foto del prodotto e due o tre giorni al mese intensi per impacchettare e spedire gli oggetti.

A tutti i curiosi consiglierei di provare, chissà che i disoccupati non riescano a sostentarsi in questo modo!

Rispondi