Beppe Grillo: la rivoluzione parte dalle proteste di Genova

C’è anche Beppe Grillo tra gli addetti del trasporto pubblico in piazza, ormai da 4 giorni, a Genova. E il leader del Movimento 5 Stelle dice chiaramente che quella genovese è la scintilla di una rivoluzione che parte dal capoluogo ligure.

Beppe_Grillo_GenovaLa campagna elettorale per molti è già iniziata e lo dimostrerebbe anche la presenza di Beppe Grillo tra gli uomini del trasporto pubblico genovese in sciopero da giorni, che stanotte hanno trovato un accordo per il nuovo contratto di categoria. Secondo gli analisti più attenti (di destra e sinistra) quello di Genova è un segnale da non sottovalutare perché riflette lo stato di difficoltà e disperazione che vivono molti italiani; e casi simili di vera e propria rivolta potrebbero presto scoppiare in altre aree d’Italia. E Beppe Grillo in questa “scintilla” che deve diffondersi a macchia d’olio c’è e si fa sentire con i suoi soliti toni.

Della situazione, e del rischio di una situazione esplosiva nel Paese, è conscio anche Enrico Letta che proprio ieri ha sottolineato come la politica di austerity attuata dall’Europa, sotto la pressione della Germania della cancelliera Merkel, se dovesse continuare porterà movimenti di protesta come il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo al 51%.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi