close

Batteri trovati in un sottaceto giapponese potrebbero prevenire l’influenza

Secondo un team di scienziati giapponesi, i batteri, che si trovano in un tradizionale sottaceto del loro Paese, potrebbero prevenire l’influenza. La ricerca ha evidenziato le proprietà benefiche del batterio, Lactobacillus brevi, nel Suguki, una rapa sottaceto popolare in Giappone.

Gli scienziati hanno studiato i poteri immunostimolanti dei batteri del vegetale, su un gruppo di topi, rimanendo sbalorditi dai risultati.

Il ricercatore Naoko Waki, della società Kagome Co. Ltd., ha dichiarato: “i nostri risultati mostrano che quando un particolare ceppo del Lactobacillus brevis viene mangiato dai topi, esso mostra effetti protettivi, contro l’infezione da virus dell’influenza”.

I ricercatori ritengono che uno strato protettivo di Ricercatricezuccheri, denominati esopolisaccaridi, che protegge i batteri contro i succhi gastrici acidi, potrebbe essere alla base dei suoi “poteri” benefici.

Nel momento in cui i batteri sono stati introdotti nei topi, hanno aumentato la produzione di molecole del sistema immunitario, tra cui gli anticorpi, che fermano i sintomi dell’ influenza.

Attualmente, sono in corso le sperimentazioni umane, che usano un drink probiotico, contenente lo stesso ceppo del Lactobacillus brevis, KB290.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Batteri trovati in un sottaceto giapponese potrebbero prevenire l’influenza

Secondo un team di scienziati giapponesi, i batteri, che si trovano in un tradizionale sottaceto del loro Paese, potrebbero prevenire l’influenza. La ricerca ha evidenziato le proprietà benefiche del batterio, Lactobacillus brevi, nel Suguki, una rapa sottaceto popolare in Giappone.

Gli scienziati hanno studiato i poteri immunostimolanti dei batteri del vegetale, su un gruppo di topi, rimanendo sbalorditi dai risultati.

Il ricercatore Naoko Waki, della società Kagome Co. Ltd., ha dichiarato: “i nostri risultati mostrano che quando un particolare ceppo del Lactobacillus brevis viene mangiato dai topi, esso mostra effetti protettivi, contro l’infezione da virus dell’influenza”.

I ricercatori ritengono che uno strato protettivo di Ricercatricezuccheri, denominati esopolisaccaridi, che protegge i batteri contro i succhi gastrici acidi, potrebbe essere alla base dei suoi “poteri” benefici.

Nel momento in cui i batteri sono stati introdotti nei topi, hanno aumentato la produzione di molecole del sistema immunitario, tra cui gli anticorpi, che fermano i sintomi dell’ influenza.

Attualmente, sono in corso le sperimentazioni umane, che usano un drink probiotico, contenente lo stesso ceppo del Lactobacillus brevis, KB290.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page